Previsioni per le giornate natalizie più trafficate in Europa per il 2017

Con l’avvicinarsi del Natale, i retailer europei si ritrovano ad affrontare un momento critico. I punti vendita si stanno dando da fare per assicurarsi ogni possibile vendita, mentre i clienti affluiscono in gran numero con lunghe liste della spesa alla mano. Il gioco vale decisamente la candela: Statista.com stima che il volume di acquisti natalizi ammonta a 273 miliardi di sterline per il settore retail europeo.

Tuttavia, le differenze culturali che caratterizzano il continente eserciteranno un’influenza diretta sul traffico, così come sulle possibilità dei retailer di capitalizzare le esigenze degli acquirenti. Per avere un’idea chiara della modalità con cui i modelli di shopping festivo variano da un Paese all’altro, ShopperTrak ha analizzato i picchi di traffico natalizio registrati in Europa nel 2014, 2015 e 2016.

Il Black Friday ridesta Francia, Germania e Regno Unito

Essendo il Black Friday consolidatosi ormai come evento promozionale in molti Paesi europei, per diversi retailer la corsa agli acquisti natalizi inizia con anticipo. I dati sul traffico dello scorso anno confermano che Francia, Regno Unito e Germania sono stati i Paesi che hanno maggiormente beneficiato del weekend del Black Friday.

Ma sebbene tale fine settimana rappresenti il punto di partenza per lo shopping natalizio, è interessante notare come gli acquirenti dei diversi Paesi europei decidano di mettersi seriamente alla ricerca dei regali in momenti del tutto differenti. L’analisi del traffico mostra infatti che i consumatori tedeschi tendono a distribuire i propri acquisti nel corso del mese, raggiungendo i picchi di sabato. Di contro, i consumatori inglesi rimandano le spese all’ultimo minuto, comportando picchi di traffico retail nei giorni immediatamente precedenti il giorno di Natale. Non è un caso che il 23 dicembre sia stata la giornata più trafficata del Regno Unito negli ultimi tre anni.

Non sottovalutare il potere del Super Saturday

I retailer più lungimiranti si riservano l’ultima carta da giocare in occasione del Super Saturday, ovvero l’ultimo sabato prima di Natale. Lo scorso anno tale giornata si è rivelata essere la più trafficata in assoluto sia per la Francia che per la Germania, classificandosi al terzo posto invece nel Regno Unito.

Le vendite di Capodanno mantengono viva l’atmosfera stagionale

In alcune regioni lo shopping festivo non raggiunge il picco nei giorni precedenti il Natale, ma si estende fino a gennaio. Les soldes dhiver, svendita invernale molto amata dai retailer francesi, dà un forte impulso al traffico nella prima metà di gennaio. Dai dati in nostro possesso si evince che venerdì 9 gennaio si è registrato il traffico natalizio più elevato in Francia nel periodo 2016/2017, mentre la giornata di venerdì 10 gennaio si è classificata al primo posto nel 2015/2016. Analogamente, i consumatori spagnoli amano fare acquisti durante il fine settimana successivo a Capodanno, infatti sabato 7 gennaio è stata la giornata più trafficata delle festività natalizie 2016/2017.

Prepara in anticipo la tua strategia natalizia

I retailer europei farebbero meglio a prepararsi in vista di queste giornate di shopping sfrenato e a sfruttare i dati sul traffico degli anni precedenti per perfezionare l’offerta attuale. Ad esempio, se l’anno scorso si sono verificati dei problemi nel far fronte al flusso di clienti in entrata e in uscita dai punti vendita, quali misure sono state adottate per dirimere l’eventuale congestione di quest’anno? In che modo gli store manager possono attivare i propri team per sfruttare al meglio le giornate più tranquille tra un picco e l’altro?

Partire col piede giusto renderà le giornate frenetiche più facili da gestire, cosa che garantirà ai retailer di assicurarsi fino all’ultima vendita. È essenziale disporre della quantità adeguata di personale durante le ore di punta, così come assicurarsi del fatto che le scorte soddisfino la domanda e che i servizi rivolti ai clienti, come ad esempio il click-and-collect, procedano senza intoppi.

I modelli di affluenza festiva tendono a seguire la stessa tendenza anno dopo anno, aiutando i retailer a offrire grandi esperienze in questo importante periodo del calendario retail. Ma come evidenziano i nostri dati, gli acquirenti di ciascuna nazione si comportano diversamente gli uni dagli altri.

Per i retailer che godono di una presenza internazionale ciò significa che la pianificazione operativa deve essere adattata di conseguenza per massimizzare le opportunità di vendita dell’intero business. E a prescindere dalla posizione in cui vengono gestiti i punti vendita, maggiore è la conoscenza dei retailer in merito ai comportamenti stagionali degli acquirenti, maggiore sarà la gratificazione derivante da questo meraviglioso momento dell’anno.

Preparati al meglio in occasione della corsa agli acquisti di Natale 2017: scarica la nostra infografica sulle giornate di shopping più trafficate.

Share:
0 Comments

Comments are closed

Back